Eliete

0
369

Dulce Maria Cardoso
Eliete
Traduzione Daniele Petruccioli.

Sottotitolo del libro è: “Una vita normale”, e così è la vita della protagonista, Eliete
42 anni , un matrimonio che ormai si trascina senza passione.

“… non potevo fingere di non aver notato che Jorge non mi vedeva proprio….”,

E ancora, due figlie che non hanno più bisogno del suo accudimento, con cui non riesce ad avere il dialogo che vorrebbe una madre, con cui non ha mai avuto un buon rapporto. E poi un lavoro da agente immobiliare, che svolge con cura.

Un tran tran, caratterizzato dal suo senso di solitudine che l’accompagna sempre, nella sua città Cascais in Portogallo.

Il padre è morto quando aveva 5 anni. Di lui ricorda poco, ma sapere di essere stato un militante durante la Rivoluzione dei Garofani, l’ha fatto diventare il suo grande eroe.

La protagonista è cresciuta con la madre e la nonna materna che si sono odiate fin dal primo incontro. Ed è proprio a seguito di un incidente che capita alla nonna che la sua vita comincia ad essere meno “ normale “

“La caduta di nonna aveva il potere di riavvolgere il tempo, dopo la caduta il tempo si riavvolgeva pericolosamente, come il mare prima di ingrossarsi nella grande onda distruttrice che incombeva su tutti noi……”

Eliete si reinventa, prova a prendersi cura di se e anche della nonna, comincia a provare un gioco per “divertirsi “, in segreto “nessuno di loro notò quanto fossi diversa…”
Nella ricerca di una nuova se, comincia a trovare il piacere delle piccole cose:

“ comprare fiori da mettere in vaso, preparare il pranzo della domenica, insistere con le ragazze perché mi accompagnassero a fare un giro sul Paredão…….”

E nel frattempo occuparsi della nonna, quasi per un senso di colpa per non essersi mai occupata di lei.
Nel cammino di accompagnamento della nonna verso un declino naturale, sembra che comincia per lei un grande cambiamento, le succedono cose che non immaginava potessero capitarle.

Fine prima parte.
Il libro finisce così, ora c’è da sperare in un seguito per capire che ne sarà di Eliete.

È una lettura molto coinvolgente, piena di particolari che mettono in evidenza la psicologia dei personaggi.

La descrizione dei luoghi e il riferimento alla storia del Portogallo ne fa una bella cornice, chi ama il Portogallo qui lo ritrova .

Una scrittrice che non conoscevo. È stata una piacevole sorpresa, una bella scrittura, sicuramente complice anche la traduzione.
Ci si ritrova e ci si interroga in questo romanzo sui temi della vita normale.

Anna