Ed è solo una donna

0
644

ED È SOLO UNA DONNA

 

Suadente creatura

di sorrisi leggiadri

nella plasmata scultura

di fresche emozioni.

 

Dipinto armonioso

di carezzevoli curve

nella figura ammaliante

di delicati sospiri.

 

Da onde baciata

di teneri sogni

nel velato mistero

di accennate trasparenze.

 

Ricolmo scrigno

di leggerezza e grazia,

coesistenza di fragilità

e di forza sorretta.

 

D’affetto bisognosa

di donarsi bramosa

negli incisi solchi

di un delirio d’amore.

 

Calice mistico

di un soave pensiero,

evocazione segreta

di morbose fantasie.

 

Richiamo d’amore,

ispirazione di versi

e d’ immaginarie passioni,

riversante fascino

di allettante sublimazione.

 

Amante nell’alcova

di ardenti piaceri,

denudata di pudori,

cosparsa di timide inibizioni.

 

Sognata, cercata,

amata, desiderata.

colta nell’essenza

di profusa femminilità.

 

Sfiorata appena,

toccata nel profondo,

umiliata, maltrattata,

violentata , uccisa.

 

Albero che accoglie

nel suo grembo i frutti,

tempio acclamato

di Divina esistenza

 

Terra feconda

adorna di nutrimento,

nell’abbraccio del suo seno

voce soave di madre.

 

Dissetante sorgente

d’amore e di vita.

 

Ed è solo una donna.

 

Anna Cappella