Cronaca di una giornata “A tempo di libri”

0
1097

Tempo di Libri

di Elena Ungini

Ore 8:16. Partiamo, in ritardo di un quarto d’ora sulla tabella di marcia (della serie “cominciamo bene”). Abbiamo studiato l’itinerario e preparato panini e bibite, caricato i cellulari, e siamo pronti per la nostra mini avventura.

Qualcosa, ovviamente, è rimasto a casa, ma nulla è indispensabile se parti con la voglia di andare. Per non perdere tempo mi trucco in macchina: un filo di lucidalabbra soltanto. Mi sento tanto “Inviata speciale”, come la protagonista del mio ultimo romanzo.

La giornata è meravigliosa, il sole bacia la campagna verdeggiante, profumata di fiori d’acacia che pendono quali fragili e fugaci sogni fra le tenere foglie appena spuntate. Una pecora mi osserva dal gregge, brucando beata. Mi lascio alle spalle il mio mondo, per tuffarmi nel caos di una grande città, pieni di vita e, soprattutto, piena di libri.

La zona di Milano che attraversiamo quando usciamo dall’autostrada è immersa nel verde, con molti alberi, parchi e campi da gioco. Arriviamo al parcheggio con non poca difficoltà tra indicazioni sbagliate e la tipa del navigatore che ogni tanto va in pausa caffè. Finalmente raggiungiamo a piedi la stazione di Rho e prendiamo un treno che ci porta fino in zona fiera.

Alla disperata ricerca di una toilette, finiamo in quella che potrebbe benissimo essere, anziché un bagno pubblico, una camera stagna dell’Enterprise di Star Trek.

Finalmente, la fiera. Tempo di Libri è stupenda: stand di tutti i tipi e per tutti i gusti. Libri grandi e piccini, libri antichi, libri per bambini e per adulti, di ogni qualità. Ci fermiamo a chiacchierare con uno stendista del CICAP (comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale) adocchiamo libri su libri, sfogliamo, annusiamo l’odore della carta stampata, incontriamo celebrità come Osvaldo Bevilacqua, conduttore di Sereno Variabile e Moreno Morello, inviato di Striscia la notizia, accompagnato dalla Befana in persona (beh, quasi), stringiamo la mano a scrittrici famose come Malia Delrai, Elle Eloise, Barbara Bolzan, Rosy Milicia, Monica Lombardi e Marta Savarino. Scattiamo foto, chiacchieriamo, ci divertiamo, impariamo come si prepara un foglio di carta.

Sono le tre e trenta del pomeriggio quando decidiamo di tornare a casa, soddisfatti degli acquisti e della giornata, mentre il sole ci rincorre e qualche nuvola all’orizzonte si scontra con le scie lasciate dagli aerei. Arrivederci Milano. Alla prossima.

In foto: Franco Brambilla, disegnatore delle copertine di Urania

In foto:le scrittrici di Amazon Marta Savarino, Monica Lombardi e Rosy Milicia

In foto:Moreno Morello, inviato di Striscia La Notizia

In foto: Federico Zampaglione dei Tiromancino