Cocaleros boliviani

0
301
Venditrice di foglie di coca
Venditrice di foglie di coca

Le zone di maggior produzione della foglia di coca in Bolivia sono due: lo Yungas e il Chapare. Lo Yungas è una zona pre-amazzonica, nella quale ho lavorato come volontaria per diversi mesi. I nostri vicini coltivavano coca e io non li ho mai considerati dei narcotrafficanti così come non ho mai considerato dei drogati i boliviani, e sono tanti, che masticano le foglie. La produzione di coca dello Yungas è destinata al consumo locale (infusi, farina, prodotti cosmetici, medicamenti…) mentre buona parte della coca coltivata nel Chapare (zona di Cochabamba) è destinata al narcotraffico.

PIantagione di coca del vicino di casa
Yungas – Piantagione di coca del vicino di casa

Durante il mio soggiorno in Bolivia c’è stata una forte protesta dei “cocaleros” (coltivatori di coca) dello Yungas contro una proposta di legge che voleva estendere le coltivazioni di coca da 12.000 a 20.000 ettari e che secondo loro favoriva i cocaleros del Chapare. Le proteste sono state piuttosto dure a La Paz, in Piazza Murillo, sede del Palazzo del Governo e del Parlamento. Alcuni cocaleros sono stati arrestati.

Le autorità hanno intensificato i controlli sulle coltivazioni di coca per verificare che i cocaleros non superino gli ettari registrati al catasto. Quando trovano ettari “in più”, le piante vengono strappate via dalle radici.

Questa della coltivazione della coca è una questione controversa. Da una parte è una pianta che da sempre fa parte della cultura boliviana (e non solo), dall’altra il rischio è che sempre più persone si dedichino a questo tipo di coltivazione, certamente

Foglia di coca
L’inconfondibile foglia di coca

molto più redditizia di altre. Ho sentito più di una volta lamentare il fatto che anni fa nello Yungas ci fossero alberi da frutto ovunque, ci si poteva fermare a bordo strada a raccogliere manghi e papaye buonissime. Ora sono sempre meno i campi coltivati a frutta e sempre più quelli coltivati a coca. Dove sta la giusta misura? Bel quesito!