Chiesa Ottagonale, strane presenze, simboli esoterici, un pezzo di Galatina da conoscere e tutelare

0
1260

Ottagono

Ieri sera tornando a casa mi ritrovo accanto alla chiesa delle Anime del Purgatorio, una chiesa ottagonale che già per la sua forma affascina, nell’architettura antica è la forma di transizione tra il quadrato e il cerchio: se disegnate un quadrato e dentro un cerchio, e unendo i punti di tangenza e gli angoli del quadrato, esso diviene una stella a otto punte, e si può così facilmente creare un ottagono. Guardando la porta della nostra chiesa ottagonale, vedo appeso un foglio, che una mano indecisa aveva vergato su un foglio di carta e rimango di stucco, ma vado di corsa verso casa pensando a quello che avevo sentito negli ultimi tempi sul conto di questa chiesa, che forse anche per il titolo che porta ” Anime del Purgatorio ” ha acceso molte fantasie sia nel passato che nel presente, su apparizioni di fantasmi e spiriti tormentati che di notte animano la chiesa. Chiedendo ai vicini che abitano intorno alla chiesa, mi hanno raccontato con dovizia di particolari che anche i loro nonni erano ogni tanto spaventati dalle leggende che fiorivano intorno a questa chiesa. Se a questo si aggiunge che più di un residente mi ha raccontato, di strani rumori, voci, strane luci ed uno scampanellio sospetto proveniente dalle campane e tutto questo in piena notte, spaventando terribilmente i tanti residenti intorno alla chiesa, si chiude un cerchio in cui suggestioni e paure regnano sovrane. Poi ieri son stato in giro tra le campagne ed i palazzi di una Francavilla Fontana splendida, niente radio, TV, Internet, libero solo di concentrarmi sulle bellezze dei luoghi.

Via Vignola

Solo tornando la sera a casa e leggendo e vedendo le immagini che rimbalzavano dalla TV mi son venute tante domande in mente, molte purtroppo senza risposte. Una giornata impegnativo con il codice Tarot nella mente. Suggestioni proveniente da una coppia di Amici che hanno condiviso con me i luoghi intorno alla chiesa ottogonale. L’edificio presenta una pianta ottagonale schiacciata scandita esternamente da paraste angolari. L’interno è ad aula unica ricoperta da un soffitto ligneo a lacunari ottagoni con una grande tela centrale raffigurante il Cristo Risorto.

Anime-sante-del-purgatorio

L’altare maggiore ospita una grande tela delle Anime Sante, opera del 1744 di Serafino Elmo. Sulle paraste della navata sono collocate sei statue in cartapesta raffiguranti san Gregorio Nazianzeno, san Nicola da Tolentino, san Domenico di Guzman, santa Caterina da Siena, santa Cristina e santa Domenica. La chiesa delle Anime Sante del Purgatorio, o di Santa Maria delle Grazie, risale ai primi anni del XVIII secolo. Voluta dalla Confraternita laicale delle Anime, riconosciuta con regio assenso nel 1767, fu portata a compimento nel 1712, data posta all’ingresso della chiesa. Tornando alla scritta posta sulla porta, pare appositamente incisa in maniera imprecisa e tremante in tutti i sensi, sarà stata anche questa un opera soprannaturale? Molti altri segreti sono ancora da scoprire, dentro ed intorno questa chiesa ed io non vedo l’ora di scoprirli.