Chiaro di luna

0
1120

Chiaro di luna

di Maria Rosa Oneto 

Non posso darti
quello che non ho
se non mentendo
spudoratamente.
Non posso offrirti:
bellezza, giovinezza
o speranze appena coltivate.
Non posso darti niente
di ciò che ti farebbe felice.
Non compro l’amore
con i soldi,
la freschezza dei giorni migliori,
i sogni che un tempo
brillavano come diamanti.
Non ho certezze
da spandere ai quattro venti,
gioie che fioriranno a maggio,
sentieri di boccioli
che aprendosi alla vita
ubriacano l’anima
come un bicchiere di vino novello.
Non ho più forze
per controllare il vento.
Le lingue di mare che irrorano
la sabbia.
Le carezze infedeli del sole
quando l’orizzonte
è uno scenario apocalittico.
Non posso darti
quello che non ho.
Sono una ballerina
che ha perso le scarpette di seta.
Una Cenerentola
senza un Principe che l’aspetti.
Una donna
alla resa dei conti
che cerca un destino a cui
appendersi al chiaro di luna
come fosse un’altalena per bambini.