Cechov nella mia vita

0
412

Cechov nella mia vita
Lidija A. Avilova
Traduzione dal russo
Barbara Delfino.

Una storia d’amore un po’ particolare tra Lidija Avilova e Anton Pavlovič Čecov tenuta segreta e durata tanti anni.

Lei scrittrice, amava la scrittura di Čecov come scrittore e ancor di più quando ha avuto l’opportunità di conoscerlo a casa della sorella sposata con il direttore della Gazzetta di Pietroburgo che era loro ospite.

Čecov aveva 29 anni aveva già pubblicato molto tra racconti e testi teatrali. Lidia aveva 25 anni, pubblicava su noti periodici dell’epoca ed in seguito anche romanzi.

Tra i due nasce l’amore ma lui è stato una guida per il lavoro della collega ( tristemente sposata e che non ha mai lasciato il marito con cui ha avuto tre figli).

Un amore dunque vissuto in sordina. Si incontravano appena potevano, lei viveva a S.Pietroburgo, tra di loro c’è sempre stato un continuo scambio epistolare, nel quale si davano anche consigli, rimproveri e quant’altro.

Questo fitto carteggio è conservato nell’archivio Centrale dell’Unione degli scrittori.
Lui per motivi di salute, tubercolosi, era costretto a viaggi di cura. Lei quando riusciva andava a trovarlo, lui era un po’ meno disponibile nei suoi confronti, pur “amandola “.
Nel 1901 Cechov sposa a Mosca l’attrice Olga Knipper .

È un autobiografia narrata come un romanzo, che oltre alla vicenda dei due fa trasparire la vita culturale del tempo grazie al cognato Lidija viene a contatto con Tolstoj, Gorkij in ambito letterario e teatrale e per l’appunto lo stesso Cechov.

Spesso i loro incontri avvenivano nell’ambito di qualche manifestazione culturale. È un libro interessante che fa conoscere meglio Čecov e soprattutto Lidija Avilova. Tra l’altro l’unico suo libro tradotto in italiano è questo.

Anna