Canto dolorante

0
1225

 

Canto dolorante 

Poesia di Maria Rosa Oneto 

Non posso morire

con le onde del mare sul cuscino,

un’oasi d’oriente

fra gli zoccoli di cavalli berberi

Il battito di un tamburo frammisto ad arpe.

Lo scintillio rosso furioso

d’impavidi tramonti

Intorno: l’odore di latte materno,

un fiumiciattolo d’urina color pervinca,

l’alito speziato di un ragazzetto

che rincorre l’ombra del suo cane.

Non posso lasciare questa terra,

amara come veleno,

sanguinante d’erba gramigna,

concimata fertile da ossa umane.

Lasciata in penombra

quando il cuore piange

e nessuna carezza può coprire

lo spasmo di un canto dolorante.