Canto alla vita

0
1145

di Rosella Lubrano

Ruberò al vento
i sussurri della vita,
azzurreggiando il cuore
di emozioni profumate
come zagare in sboccio,
ruberò alla terra
il suo respiro
caldo, profondo
dagli echi primordiali,
ruberò all’ acqua
il suo chiacchierio gioioso
tra sassi tremuli
incipriati di stelle.
E ovunque sorrisi, carezze
in teneri arcobaleni pastello,
sul respiro del mare,
ruberò ambrosia agli dei,
per noi,
gocce di infinito,
a Erato chiederò ispirazione
su verginei fogli,
così la nostra storia
sarà scritta
su petali di nuvole
increspate d’ Amore
nell’incanto dell’ eternità.