Elezioni..Nun te reggae più

0
609

È andata, dopo mesi di pesante e, sinceramente, anche scadente campagna elettorale, si è votato. Si è discusso, parlato fin troppo sui social e nella vita reale di questo importante e atteso evento. D’altronde il voto è espressione di democrazia e la partecipazione e il dibattito dimostrano per lo meno la voglia e il tentativo di ognuno di dare un contributo.

Ora però i giochi sono fatti e chi è stato eletto ha l’occasione di governare e di non deludere gli elettori che lo hanno scelto. Così capita che molti non abbiano più voglia di parlare del tema che però è l’argomento del momento.

Buttandola li scherzosamente, sarebbe bello svincolarsi di tanto in tanto dagli agguati di chi vuol dire la sua, in ufficio, sulle scale del condominio, al supermercato.

Se non hai la minima voglia di andare sull’argomento le provi tutte. D’altra parte se il tuo schieramento ha perso non hai voglia di sentire le esaltazioni preventive di chi è convinto che da oggi in poi si vivrà in paradiso e il demonio è scacciato.

Viceversa se ha vinto non hai voglia di sorbirti le dichiarazioni rancorose tipo “adesso voglio vedere cosa fate” o “ti aspetto al varco”, “piove governo ladro” e “l’Italia si trasformerá in un disastroso paese da cui fuggire”

E cosi provi a far finta di telefonare, tiri fuori le frasi che stroncano sul nascere ogni discussione tipo: “D’altra parte è così”.

Il tuo interlocutore pensa di averti convinto dell’ineluttabilità di un certo accadimento ma in realtà semplicemente non hai voglia di parlarne.

Altro trucco suggerito è quello di chiedere informazioni su un oggetto o un abito indossato da chi ti parla per stimolare la sua autostima e la sua vanità. Oppure trovare qualcosa che possa attirare attenzione e distogliere il discorso dal tema elettorale.

Oppure provi a ribaltare completamente il discorso con una domanda su un evento personale del passato di chi ti sta parlando, deviando il discorso.

Poi tenti per argomento e le provi tutte dallo sport all’arte, dalla musica ai film alla cronaca rosa e arrivi persino a fingere di ricevere una telefonata.

O invece può accadere che magari preferisci discutere un pò con chi è in grado di farlo in modo costruttivo. Ma tra guelfi e ghibellini è dura evitare lo scontro. 

C’est la vie…è il gioco delle parti 

Buon quinquennio a tutti!

Dati Lorenzo 

SMALL THINGS GREAT EMOTIONS