Bedizzole

0
826

Loscrivodame e @Ladolcevitaly si ritrovano oggi a Bedizzole, in provincia di Brescia. Il paese si trova tra la fascia alta della pianura padana e i rilievi occidentali dei colli morenici. Il comune è attraversato dal fiume Chiese. Bedizzole sembra derivi da “belle zolle” o “bei colli” secondo lo studioso Arnaldo Gnaga, che si rifà alla tradizione popolare.

Secondo altri studiosi il riferimento è a butisolis, nome di una antica famiglia dominante in zona.

Secomdo Paolo Guerrini, il toponimo deriva da imbutisolis, perché dall’alto il territorio appariva ai monaci di Serle come una serie di imbuti. In seguito questo autore optò per la voce abetisolis, da alcuni abeti attorno alla pieve di Pontenove.

Al di là delle tante e controverse fonti relative al toponimo, il paese è grazioso e come molte realtà italiane, ha una storia che si perde nei secoli.

I ritrovamenti di resti di palafitte in località Sonvigo fanno risalire i primi insediamenti umani già all’età del Bronzo. In particolare nel IV secolo a.C. alcune tribù provenienti dalla Gallia, appartenenti al ceppo dei Cenomani, si stanziarono in questo territorio.

Anche in periodo romano, Bedizzole è presente in dodici iscrizioni dell’epoca.

Le dodici iscrizioni di quell’era, tutte documentate, testimoniano la presenza qui di famiglie patrizie appartenenti alla gens Vibia, gens Cornelia e gens Elia. Inoltre la presenza di cippi votivi a Giove e a Minerva, evidenziano il culto di quelle divinità.

Il ritrovamento nella parte meridionale del paese di quattro cippi miliari sul percorso della Via Gallica, che univa Brescia a Verona, indica chiaramente l’importanza viaria di quel tratto di territorio su cui potrebbe essere sorta la mansio Ad Flexum dell’Itinerario Burdigalense.

Anche nella Galleria delle Carte geografiche in Vaticano, la Carta dell’Italia Antiqua colloca Ad Flexum sul fiume Chiese vicino a Bedizzole.

Il nome Ad Flexum, che in latino significa flessione, indicava una deviazione, un giro che la strada in quel punto doveva neessariamente compiere per attraversare il Chiese in un punto più accessibile.

A località Pontenove fu fondata una Pieve la cui esistenza sembra risalire al VI secolo.

Bedizzole in pratica sembra sia sorta attorno al castello, che fu edificato sulle colline a Nord di Pontenove sia a protezione della strada della Valtenesi sia a difesa delle popolazioni locali dalle invasioni ungariche dei secoli.

Da un documento del Monastero di S. Pietro in Monte di Serle, risulta che nel 1184 Bedizzole era già Comune, ed era minacciato dalla vicina Brescia e dagli Scaligeri, cui il borgo si consegnò nel 1277 per fuggire ai bresciani. Dopo il dominio di Venezia, durato 300 anni, fino al 1796, Bedizzole passò ai francesi.

Il XVIII secolo fu un periodo di crescita per il paese nonostante le continue guerre tra le potenze del tempo. Bedizzole diede anche un contributo importante al risorgimento con alcuni uomini come  i fratelli Chiodi, Pietro e Battista che caddero sulle barricate delle Dieci giornate di Brescia (1849), e Giuseppe Capuzzi, uno dei Mille di Garibaldi.

“Antico Ponte (also “Ancient Bridge”) is a wonderful bridge located in Pontenove, which is part of Bedizzole,
a small town located in the province of Brescia , in Lombardia region, northern Italy.
This beautiful bridge was built in the 17th century to cross the Chiese river, which flows in this suggestive area.”

Il paese è carino, come il suo bel ponte del 17esimo secolo. Se capitate da queste parti sostare per una visita e qualche foto, rimarrete sorpresi..Fede