Ascolto l’infinito

0
759

Ascolto l’infinito

 

Arrivo

alla spiaggia assolata

a piedi nudi

una corsetta

leggera,

mi fermo

tiro il fiato.

Lentamente

mi sdraio sulle onde

placide

del mio mare,

incantato, profondo.

Chiudo

gli occhi,

brucia la pelle

l’acqua

fresca la accarezza.

Il tempo fluisce

al rumore dell’onde

sulla battigia.

E gli anni son passati

tutti insieme,

ma

son rimasto lì,

ad occhi chiusi

e, adagiato

sul mio mare,

ascolto il mormorio

dell’infinito.

 

nfr