Arcano vivere

0
302

Arcano vivere

Nuvole disegnano il cielo
nell’adagio, lento andare
dei moti dell’aria
al lieve fragor del mattino.

Un’alba lucente, stamane,
ha acceso il risveglio,
ha scandito i battiti
e il pulsar della vita.

Un sole solingo
spira sospiri di sguardi
a scolpire forme plasmate
da mani di vento.

Sospeso nell’aria,
il respiro sospira,
lo sguardo attonito,
incantato, respira.

Ammaliato, inspira la vita
nell’ammirare l’infinità del cielo
e l’immensità della terra,
mentre l’abbraccio del vento
olisce fragranze d’erba bagnata
e del germogliare dei suoi frutti.

Esulta la natura
al miracolo del Creato,
quando cinge l’esistenza
con l’andare delle stagioni.

Linfa vitale che pulsa,
fonde ed armonizza
l’essere a se stante
ad essere parte univoca
dell’equilibrio cosmico.

Ed io non sono altro
che un granello in questo spazio,
un attimo in questo tempo,
che dura l’intervallo di una vita,
un pensiero accordato all’infinito,
che, anelante, si domanda,
cerca Verità, attende risposte.
Un microcosmo
che libera coscienze,
che cerca il senso
in un volo dei sensi,
in uno sguardo,
in un ascolto,
in accese passioni.

O, forse, sono solo
un tratto ben definito
dello stesso disegno di Dio,
quando una fede rimbomba
come eco nell’istante stesso in cui
cerca la quiete nello sfuggente senso
di questo arcano vivere?

@ Anna Cappella @