Quando tutto è detto

0
171

Anne Griffin
Quando tutto è detto
Ed Atlantide.

Maurice, irlandese, ormai vecchio, si racconta per lasciare detto al suo unico figlio, quello che non è mai riuscito a dirgli, certo con un po’ di rammarico.
Fin da bambino ha lavorato per una ricca famiglia irlandese, nella contea di Meath, dove anche la madre lavorava.

Famiglia di contadini la sua, che l’avrebbe fatto studiare se lui non si fosse dimostrato insofferente alla scuola.
E si scoprirà poi perché faceva tanta fatica a studiare.

Ha subito molte ingiustizie da parte del figlio dei padroni in modo particolare e appena gli è possibile, in qualche modo si vendica, portandosi appresso un segreto che svelerà solo ora.
Avrà modo di riscattarsi, lavorando molto duramente fino a diventare un ricco proprietario anche delle terre dei padroni.
Uomo burbero, severo che per raggiungere i suoi obiettivi non si fa scrupoli e che ha inevitabilmente lasciato un po’ da parte la famiglia. La famiglia è stata tenuta all’oscuro di molti suoi affari.

È la morte della moglie, compagna affidabile di una vita, che gli porta grande sgomento e lo fa riflettere .
E dice in una lunga lettera quello che deve dire e fa quello che non aveva mai fatto per “sistemarsi “ la coscienza.
Questo di Anne Griffin, è un libro molto bello ed intenso, a tratti melanconico, poetico.

Un libro che pone l’attenzione a fare quello che bisogna fare quando è il momento, per non trovarsi ad avere rimpianti e a dover dire tutto quando il tempo è passato e non è possibile riparare.

A dirlo o scriverlo sembra semplice, ma semplice non è.

Anna