“Al mio papà…” – poesia di Roberto Leccese

0
2578

Al mio papà…
poesia di Roberto Leccese

Cosa penserai di me…
Se di rado abbiamo parlato
quando?…
L’attimo che invece andrebbe
cercato … rubato…
Intanto, un’intera vita passa
in men che non si dica.

E quanto non abbiamo detto
resta invece scritto
in pochi silenziosi sguardi…
A volte severi, a volte dolci
o pieni di orgoglio
tra un Padre e un Figlio…

Troppo presto, forse,
ho preso il mio treno
per luoghi ove non avevo radici
ma in cui ho portato i miei rami
divenuti col tempo robusti
come braccia tornite
che tendono al cielo…

Il mio volo d’uomo
sarebbe comunque avvenuto
ma, oggi un pensiero mi consuma
… Nulla avrei sbagliato
a vivermi ancora un po’
quel tuo amorevole sguardo
ancora un po’ …
al tiepido vento della mia terra
dove per anni ti ho osservato
come fossi una montagna…
la più alta da scalare
..tempio più vicino al cielo per pregare
ed esempio che non si piega
sotto il peso degli anni
ma, al contrario assume vigore
all’inesorabile fluire degli attimi.

Quando ho sbagliato,
quando non sono stato in grado,
quando ho cercato
e quando non ho saputo …
Padre quanto tempo ci resta
per riparare al tempo perso
per insegnare al tempo stesso
Dimmi …??
Per dire al tempo che con l’Amore
si possono colmare i secoli
…figurarsi le distanze…

Avrei voglia di abbracciarti
e dirti quanto per me
con la semplicità dei tuoi gesti
sei ancora e resterai sempre
l’esempio più importante!