Al corpo della notte

0
187

Così ci si avvicina
al corpo della notte,
spinti dallo sbadiglio
di una porta socchiusa.

E se vengono idee
(e non importa come)
senza fare domande
senza chiedere nulla
basta annusare l’aria

cercando nello specchio
il lume irriverente
del gioco della luna
con i suoi occhi densi.

Gianfranco Isetta