Ai tempi del Coronavirus: L’evento

0
348

Di Raimondo Rodia

Ieri in una spettrale piazza San Pietro spazzata da un vento gelido e da una pioggia insistente, come se anche il cielo si fosse messo a piangere di proposito. Abbiamo visto una figura bianca alzare a quel cielo così minaccioso una supplica. Ci sono stati vari passaggi interessanti nel discorso Urbi et Orbi del Papa quello ad esempio evangelico che in fondo siamo tutti sulla stessa barca. Ma quello che mi è piaciuto e che conservo nel cuore è questo passaggio : ” Ci siamo lasciati assorbire dalle cose e frastornare dalla fretta. Non ci siamo fermati davanti ai tuoi richiami, non ci siamo ridestati di fronte a guerre ed ingiustizie planetarie. Non abbiamo ascoltato il grido dei poveri e del nostro pianeta gravemente malato. Ora mentre stiamo in un mare agitato,

Ti imploriamo ! Svegliati Signore.