Ai tempi del coronavirus: la riscoperta delle terrazze

0
254

Ci sono tante cose che stanno cambiando con il propagarsi del famigerato coronavirus in Italia e nel mondo. Una delle conseguenze, magari meno importanti ma che saranno comunque evidenti è la riscoperta di alcuni spazi casalinghi che, non dico fossero stati accantonati, ma venivano messi in secondo piano rispetto ai luoghi esterni dove poter, giustamente, socializzare.

Uno di questi è l’eterno terrazzo, un luogo privato all’aperto dove poter respirare aria e magari prendere un po’ di sole. Chi ha la fortuna di avere un bel balcone o terrazzo potrebbe approffittarne per sfruttare questo spazio in questo inizio primavera di semi-reclusione.

Una bibita, un libro, un po’ di musica, magari una chat con gli amici o i parenti più cari per socializzare, oppure gustarsi un pò di pace e silenzio, tanto caro e ricercato nei momenti di frenesia quotidiana 

Non dicevamo che eravamo sempre di corsa? Non ci lamentavamo dello stress? Forse questo momento può aiutarci a riflettere su cosa va e cosa no nella nostra vita di sempre. Che sia un avviso di madre natura all’umanità? In molti se lo chiederanno.

Intanto si scoprono utili i social, per mantenere i contatti esterni con chi si ha piacere, non essendo consigliato di fatto alcun incontro. Certo, speriamo duri il meno possibile questa triste fase, ma a questo punto, traiamone lezioni utili, quando tutto finirà.

Dicevamo i terrazzi, si, anche quelli, spesso trascurati, magari impareremo a curarli e viverli come il resto della casa, tra piante, aria e sole.

D.L.