Agro

0
308

Agro
come limone,
come ricordo,
brucia labbra e occhi
ritorna e non sei pronto.
Te ne sei andato
eri atteso da tempo,
te ne sei andato
ed io lo sapevo da tempo.
Eppure è agro
il sapore della realtà
non bastano i ricordi,
bruciano le labbra rotte di sorrisi.
Quanto manca la vita
quando manca?
Quanto mancherai
ora che manchi?
Attraversando scalza
le stanze dei nostri anni persi
intravedo sete preziose
e musiche lontane
orizzonti sconosciuti
per me
che sapevo di non sapere
per te
che non sapevi e sfidavi.
Fu la nostra la vita da giocare?
Toccammo il cielo
e la lingua dell’orso:
non era nostra la fortuna,
ma solo vita…
sfoglia a sfoglia senza crema.
Il dolce era servito solo la mattina.

Susan Moore TDR 18/04/2020