Acquisti online e cashback, ne vale la pena?

0
400

Non tutti conoscono un sistema che permette di recuperare una piccola parte dei soldi spesi negli acquisti online dopo l’acquisto. Si tratta di un sistema di cashback.

Un esempio, forse il più noto è Bestshopping.
Se entro nel begozio online che visito e da cui compro abitualmente, sia esso Amazon, Zalando, solo per citarne due, o qualsiasi altro degli oltre 1500 negozi convenzionati, passando per Bestshopping, ho dei vantaggi.
Se così faccio infatti, vengo tracciato. A quel punto una percentuale della mia spesa mi viene poi restituita, andando a creare col tempo un bel gruzzolo.

In pratica, una volta dentro il sito, scelgo il negozio tra i convenzionati e noto che accanto al nome del negozio c’è scritta una percentuale. Questo è il rimborso che ti sarà riconosciuto per la spesa.

Procedo quindi con l’acquisto cliccando ssll’icona del negozio, nello stesso modo con cui acquisto di solito. Il sito calcola il rimborso cashback a cui ho diritto fino a quando non chiudo la finestra del mio browser o decido di uscire e concludo la tua spesa, entro poco tempo dal click.

A quel punto Bestshopping riceve dal negozio la conferma del mio acquisto e mi accredita subito il rimborso cashback relativo. Il tempo di solito è compreso tra pochi minuti e qualche ora, a seconda del negozio. Sul mio conto appare a quel punto il dettaglio dell’acquisto effettuato e l’ammontare del rimborso cashback che mi verrà accreditato.

Una volta raggiunti 40 Euro di rimborsi, potrò incassare il mio denaro con PayPal o bonifico o buoni regalo Amazon.

Leggendo le recensioni sono in buona parte positive, qualche problematica sembra esserci sull’assistenza clienti e sulla tempistica dei rimborsi, ma nel complesso vale la pena fare questo passaggio in più. 

Con un click in più, in pratica, si finisce per risparmiare, o guadagnare a seconda di come la si veda, acquistando ciò che ti serve online.