Abbozzo di vita

0
913

“Abbozzo di vita”

Di Maria Rosa Oneto 

 

Struggente il giorno tappezzato di rammendi, di icone incise nel legno, di stormi migratori che seguendo il vento paiono sfidarlo senza temerlo.

Dolcezza infinita dove fioriscono le viole dell’amore, i ruscelletti leggiadri che rubano concerti al cielo, quello stormir di fronde che palpitano al cuore canzoni romantiche e quadri di Tiziano.

Felice colui che non si annoia e a occhi chiusi assapora la tenerezza del meriggio. Quel lieve languore di un sonno già desto, il fremito audace di una gemma che sboccia, di una goccia che cade senza far rumore e si posa sulla fronte come una ruga smarrita.

Un abbozzo di vita che a sera rinasce, splendido di attesa e di un fugace apparire.