A morsi

0
269

A morsi

Di Maria Rosa Oneto

Diventammo pietre
e arbusti
rinsecchiti.
Chiusi in lucernai
dove la pioggia
scuoteva il cuore
e la paura scardinava
la pazzia di essere vivi.
A morsi
segnammo il territorio,
quando la grandine
rovinò sui vetri.
Accovacciati a terra
alla ricerca del silenzio,
ci tappammo le orecchie,
e furono ombre
indistinte
a calpestare le sagome
di chi ancora respirava.