L’origine delle Rune parte seconda: I corvi, le Norme, la divinazione.

0
402

Dove eravamo rimasti?

Nella precedente puntata…L’origine delle Rune parte prima: chi è il portatore?

Dopo che Odino si sacrificò per raggiungere la conoscenza più assoluta, scese tra gli umani per poterne consegnare loro una parte.

Compiuto il suo obiettivo si ritirò nel Recinto degli Dei dal quale dominava il mondo con un solo occhio sì, ma anche grazie alla smisurata magia e ai suoi fidi corvi Huggin e Munnin.

Risultati immagini per Huginn e Muninn

Dopo che gli umani predestinati ebbero ricevuto una parte di conoscenza vennero tenuti sotto stretto controllo dai corvi di Odino, che erano incaricati di riportargli qualsiasi notizia che provenisse dalla Terra…

Perchè direte voi?

Ciò che venne dato agli umani era solo una parte di ciò che si poteva raggiungere utilizzando la consapevolezza e questa non prevedeva la Saggezza che si poteva conquistare solo con l’esperienza e non essendone in posseso e non avendola raggiunta… ciò che Odino gli insegnò venne ben presto utilizzato in modo anomalo…un po’ come quando metti le carte in tavola e rimani ai margini a osservare…il ritorno di Odino sulla Terra e tra gli umani era previsto solo nel momento esatto in cui essi avessero raggiunto la saggezza, sviando il male.

La magia quindi non era per tutti, non era fatta per soddisfare capricci inutili, e in molti ne pagarono le conseguenze credendosi a capo di un gioco che potevano governare.

Si narra che un ragazzino per far innamorare di sè una ragazza, intagliò delle rune e non essendone esperto quando gliele diede le provocarono una malattia dal quale la ragazza non potè più guarire se non alla completa distruzione di ciò che l’aveva fatta ammalare.

Non si può quindi maneggiare la conoscenza delle Rune senza saperle interpretare e non è utile avere il potere se non si sa come maneggiarlo in modo adeguato.

Tuttavia essi non sono senza speranza.

Attraverso il giusto uso della sapere e la giusta lettura delle rune, è possibile anche acquisire la saggezza.

Ma chi fu il creatore delle Rune, di questo potetende connubio di bagia e sapere benevolo, che vennero date a Odino coem strumento per passare la conoscenza agli umani?

Si dice che fossero state le Norme a intagliarle per prima:

«Urdhr» (il Passato)
«Verdhandi» (il Presente)
«Skuld» (il Futuro).

Risultati immagini per le Norme mitologia

Queste erano fate che intagliarono le rune su legno e una volta creato, attraverso queste, giocavano con il destino degli uomini… cosa che le occupava quando non erano impegnate a prendersi cura delle radici dell’albero di Yggdrasil.

Risultati immagini per le Norme mitologia e yggdrasil

Erano delle custodi un po’ annoiate insomma.

Le rune furono incise dalle Norne che oltre a renderlo strumento del sapere le collegarono al destino.

Difatti le rune sono anche un potente strumento divinatorio.

In tutte le epoche e in tutte le società, la divinazione ha ricoperto un ruolo importantissimo.
Perciò la funzione divinatoria delle rune non è da sottovalutare poiché è quella funzione che permette all’uomo di entrare in contatto con la Sapienza delle cose che le Rune contengono.

La funzione divinatoria delle Rune le indica come depositarie del sapere delle epoche, come ponte fra le ere e i cicli, come entità che li trascendono e possono condurre alla trascendenza della realtà illusoria a essi soggetti che sarà distrutta con il Crepuscolo degli Dei per rinascere, rigenerata ma pur sempre illusoria, poco dopo.

Risultati immagini per rune sassi

Ebbene…voi che ne pensate?!