ISTANTANEE DAL CUORE

0
186

Una lettura piacevole, veloce e colma di spunti di riflessione.

I due protagonisti principali di questo romanzo di Simona Di Iorio sono “Sara e basta” e “Tom e basta” i quali, seppur con vite estremamente diverse, quasi agli antipodi, hanno intrecciato i loro destini per caso e, da quel momento, nulla è più stato come prima.

Tra le pagine di questo libro, però, oltre alla storia sviluppata dall’autrice, ho potuto riflettere su alcuni aspetti ai quali, troppo spesso, non prestiamo attenzione.

Ad esempio quanti di noi svolgono un lavoro “per dovere, per necessità”, per poter vivere dignitosamente, ma che non corrisponde alla nostra vera passione, ambizione, aspirazione?

“Sara e basta” per gran parte della vita ha fatto così, svolgendo la professione di avvocato divorzista, ma la sua ambizione era altrove. Appassionata di fotografia e amante della natura, faceva lunghe camminate in compagnia della sua Nikon, sempre pronta a immortalare emozioni.

Un hobby che la porta ad estraniarsi per qualche istante della vita vera, dalla vita che ti porta a soffrire, a subire delle perdite spesso ingiuste.

A volte, poi, è sufficiente lasciarsi andare, seguire semplicemente gli eventi, per tornare a sorridere, a essere davvero felici.

La paura di affrontare la realtà, talvolta, ci blocca, ci porta a chiuderci in noi stessi, a non vivere appieno. Farci aiutare (nel romanzo un ruolo determinante lo svolgerà Ali, l’amica un po’ pazza e invadente) farci guidare, a volte, oltre ad essere l’unica soluzione, ci porta a stare meglio, a respirare, a vivere.

Un altro punto che mi ha fatto riflettere riguarda i fantasmi del passato: se non si chiariscono le situazioni, se non si affrontano i dubbi, le perplessità, non ci si sentirà mai liberi. Al contrario, ci si sentirà imprigionati in una bolla soffocante che ci impedirà di controllare la nostra vita.

Non voglio aggiungere altro, in quanto il romanzo – l’esordio per l’autrice – merita di essere letto e di essere scoperto, pagina dopo pagina.

La scrittura è lineare, i termini utilizzati semplici, le descrizioni dettagliate e precise. Qualche piccola imperfezione è presente, ma nulla di così preoccupante!

Buona lettura!!

Elvira