Il Mago Sartorio di Galatina

0
6268

Era il 13 giugno del 1989 quando andò in onda una delle puntate più seguite della fortunata trasmissione Telefono giallo di Corrado Augias. La trasmissione fu trasmessa su Rai Tre.

Il celebre telefono di colore giallo simbolo del programma squillò in quell’occasione per il caso dell’omicidio di Giacomo D’Acquarica, al tempo dei fatti un uomo di 71 anni, noto per la sua attività di mago, omicidio avvenuto il 15 maggio 1982 a Galatina.

Un caso mai risolto quello dell’omicidio del mago, inizialmente venne accusato il genero. In seguito la figlia dell’ucciso incolpò la cognata, che avrebbe ammazzato il mago per poter recuperare delle cambiali da lei firmate in bianco e da lui possedute. A questi elementi si aggiungono i rapporti che l’ucciso intratteneva con le donne del suo paese, fu uno scandalo e molti si indignarono per l’approccio della trasmissione che raccontava un paese retrogrado e pieno di contraddizioni, maldicenze, in cui si credeva al potere della magia.

Un caso clamoroso per il rimbalzo mediatico che a causa della trasmissione il caso ebbe, in città non si parlò d’altro per tanto tempo. Per coloro che ricordano la trasmissione e per chi di questo clamoroso caso non ne ha mai sentito parlare postiamo in basso il video della trasmissione andata in onda nel giugno del 1989.

Oltre il mago Sartorio nei tre spezzoni ritroviamo un giovanissimo Carlo Bollino giornalista allora di ” Quotidiano ” poi direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, il procuratore antimafia Cataldo Motta allora vice-procuratore ed infine la scrittrice Rina Durante che nella sua vita si interessò spesso del recupero delle tradizioni etno-musicali del Salento ed alla riscoperta del Tarantismo.

Insomma una puntata con tanti risvolti sociali, che raccontano il clima di quel momento storico. Oggi del famoso Mago Sartorio rimane la foto che vedete, quella di una scritta vergata con un pennarello nero sulla porta del luogo dove svolgeva le consulenze da mago. Una storia sepolta che molti hanno dimenticato e che molti hanno messo in uno strano oblio, ma che ho voluto ricordare. Un contributo antropologicamente probante.

Ecco i video delle puntate:

Telefono giallo: Il mago di Galatina, parte prima

Telefono giallo: Il mago di Galatina, parte seconda

Telefono giallo: Il mago di Galatina, parte terza

Raimondo Rodia