Essere ” Donna ” attraverso le foto di Paola Stefanizzi

0
986

A Cutrofiano una mostra fotografica che ha per protagonista la Donna. Una serie di scatti della fotografa Paola Stefanizzi che raccontano il ruolo della Donna. Paola Stefanizzi che abita e lavora a Bologna, torna a Cutrofiano per una prima personale nel proprio paese di origine, trenta immagini sul tema della donna.

Il vernissage presso le Scuderie del Palazzo della Principessa a Cutrofiano, venerdi 29 dicembre alle ore 18.00.

Introduce la serata la professoressa Antonella De Prezzo.

Identità
Oltre me
Riflesso
Pensieri
Spiragli
Vita
Metamorfosi
Visioni
Quiete
Sfumature
Risveglio
Svelarsi
Oltre me
Nuovo Cammino

Queste le parole-chiave scelte dall’artista Paola Stefanizzi per descrivere il proprio progetto fotografico “DONNA”. Semplici parole che si ritrovano negli scatti proposti, accompagnando associazioni tra l’immagine e ricordi per costruire ogni volta un racconto diverso: la storia “qualunque” di una “qualunque” donna al mondo, frammentata e in movimento.

Scatto di Paola Stefanizzi: Essere donna

Osservare ogni foto è osservare una parte di se stesse, veder emergere emozioni, a volte dimenticate o a volte ancora tanto vicine da fare male, ma che creano un filo invisibile che porta all’interno dell’immagine quasi a viverla da dentro, a percepirne l’energia del momento. Paola dona la sua storia ad ogni donna, si apre al mondo per condividere le memorie personali con le altre donne e anche con chi voglia conoscerla.
Lo fa con delicatezza, senza forzare. Ci accoglie per portarci nel suo mondo, senza le distanze dei ruoli, senza piedistalli, ma permettendoci di sentire le sensazioni sulla pelle e di ritrovarci una accanto all’altra in una trama universale di storie e percorsi di vita.

Scatto di Paola Stefanizzi: Essere donna

L’artista è la protagonista iniziale che fa intravedere se stessa e poi si lascia cercare tra le altre foto ma lei è già dall’altra parte dell’obiettivo a narrare e guidare, lasciando spazio alle altre donne che parlano con lei e come lei. Si apre senza riserve, con molta fiducia attraverso un linguaggio visivo immediato e pulito, e accoglie le riflessioni che arrivano come arricchimento personale. In questo modo l’artista è riuscita a raccogliere in 30 foto tutta l’essenza dell’essere donna e a parlare attraverso il silenzio dello sguardo del difficile compito di essere al mondo, ritrovando in pochi scatti il turbinio di emozioni che travolgono corpo ed anima e da cui solo la forza personale può essere mezzo per ritrovare la quiete. Il percorso “DONNA” parte dal nero come evocazione del buio che ha già in se i germogli della vita che sarà e che cela presenze da svelare.

 

Scatto di Paola Stefanizzi: Essere donna

Il nero non si dirada ma viene trasformato in corpi, bagliori, emozioni e luce dalla volontà di ritrovarsi ed evolvere. Paola ci racconta che il cambiamento è estraniante e inquieto, bisogna attraversarlo. Non si può scappare. Bisogna scendere giù nel dolore, perdersi, frantumarsi in mille “io” per poi ricostruirsi. In questo percorso ogni donna è sola, e sola deve affrontare gli eventi altrimenti non c’è cambiamento vero.

 

Scatto di Paola Stefanizzi: Essere donna

Il finale non è scontato, non è uno scatto che la luce svela, non è uno sguardo fiero per quello che si è raggiunto, ma ancora rappresenta quella parte di noi a cui dobbiamo dare ascolto.

Antonella De Prezzo