Cortili Aperti a Martano, arte, cultura e storia

0
1620

Martano la capitale culturale, il punto di riferimento dei paesi della cosidetta ” Grecìa Salentina ” dopo l’invenzione della biennale di arte che comunque con grossi nomi ha griffato gli angoli più suggestivi di Martano con fontane, giochi di acqua con la pietra leccese locale che continua a fare miracoli, adesso continua il suo ruolo di città d’arte con Cortili Aperti.

Cortili aperti

Come sempre da un pò di tempo a questa parte a fine luglio, quest’anno dal 20 al 23 Luglio dalle ore 19.00 a mezzanotte, partirà la X° EDIZIONE di Cortili Aperti Martano, un percorso Turistico-Culturale che si dipana tra il centro storico, con il nucleo antico che si presta a farsi visitare per far scoprire i cortili di splendide dimore gentilizie, i giardini, le case a corte, splendidi scorci impreziositi dalla pietra morbida locale. Inoltre sono previsti spettacoli, esposizioni, arte e cultura. Consigliamo l’ingresso dalla zona Nord della città dove, tra via Calimera e via Nizza è disponibile un ampia area parcheggio, proprio da li vi è l’inizio del percorso.

Un occasione anche per conoscere un grande artista di nicchia che divide il suo tempo a creare con la pietra leccese sculture, oggetti di design, bomboniere ed altro, il suo nome è Andrea Serra che fin dalla tenera età età di 14 anni vive a stretto contatto con questa roccia calcarea, la pietra leccese, chiamata anche pietra gentile, roccia che si trova e viene estratta in pochissime zone del Salento, in particolare quel fondale marino del nostro territorio risalente al periodo miocenico circa venti milioni di anni fa. Andrea Serra un artista a tutto tondo, che ha affrontato gli studi accademici, dopo anni di ricerca e di esperienza, presenta con successo le sue opere al pubblico.

A Martano Cortili Aperti

Anni di ricerca di nuove tecniche di lavoro alternativo, sempre manuali, che riescono a dare emozioni visive e tattili le stesse sensazioni percepite dagli occhi. Per questo tutto è fatto a mano, con tecniche utilizzate fin dall’antichità e che ancora riescono a dare alla creazione una propria identità e vita. Le creazioni di Andrea Serra sono senza tempo, sunto di presente e passato, in quanto contengono la sensibilità della natura e la modernità del design. Il Salento è una terra ricca di pietra e fin dall’antichità il genio dell’uomo si cimenta nell’arte del plasmarla facendo affiorare da essa forme altrimenti di sola creazione divina in natura. In occasione della manifestazione Cortili Aperti 2017 Villa Coluccia è onorata di ospitare le bellissime opere dell’artista scultore Andrea Serra. Il luogo da casa padronale del 1940 si è trasformato in un agriturismo, dimora estiva della famiglia del pittore, scultore, ebanista, Cosimo Coluccia (Martano 1904- Martano 1968), convertita oggi in agriturismo biologico e riaperta come struttura ricettiva. Quella di Villa Coluccia a Martano negli anni ‘50 è la storia di una famiglia amante dell’arte e della natura, di una piccola realtà colonica trionfante in una convivenza tra mani che affondano nell’arte, manine che giocano con sassi e mani che lavorano la terra: una fotografia sociale che racchiude il significato di casa padronale nel senso più armonioso del termine, il racconto di una giornata vivace che respira operosità nell’attesa di una convivialità serale antica.

Quella di oggi è la realtà di un patrimonio emotivo e culturale riportato alla luce con impegno e caparbietà dalle nipoti dell’artista. Ora dopo la lettura non vi resta che scoprire con i vostri occhi ed i vostri sensi i miracoli dell’arte.

Raimondo Rodia