lunedì, gennaio 21, 2019
Gianfranco Isetta

Gianfranco Isetta

Le poesie di Gianfranco Isetta

Nascondimento

Nascondimento Ci si nasconde, a volte, tra le nuvole come nuvole la notte, sospinte dal soffio lento e ambiguo del libeccio insidiano le tracce di silenzio serbate da quel...

Come quelle palline

Come quelle palline Come quelle palline d’acciaio, tu cercavi con occhi luccicanti tra gli affanni le foto nei cassetti che aprivi per non lasciarti sola a conciliare il sonno. Non erano più...

Nuvole in sequenze

Nuvole in sequenze C’è un nuvolare là in alto, in sequenze, e l’impianto del cielo si rinnova, forse s’incurva il senso dell’inverno Ora guarderò in quella direzione per salpare...

Càpita

Càpita di voler chiuse le finestre agli occhi che si levano sempre fissi e uguali senza un progetto per vincere il vuoto. Càpita d’invecchiare, come neve sporcata dalle polveri...

Su quell’alone tondo

Su quell'alone tondo Occorrerà del tempo per trovarne il rimpiazzo su quell’alone tondo nella parete vuota. Quell’orologio spento ha lasciato lo spazio del suo breve ricordo in un luogo d’esilio. Una mosca ne...

La consistenza della cinciallegra

La consistenza della cinciallegra La consistenza della cinciallegra si misura dal palpito delle ali dal loro assumersi le impegnative direzioni di volo lungo gli occhi degli osservatori pronti a...

C’è una rosa che sfuma

C’è una rosa che sfuma. Non rivela colori. Una goccia di miele la riporta ad un dio che dispensa sapori. Una siepe di spine definisce in giardino la distanza dal sole sentenziando...

Càpita

Càpita di voler chiuse le finestre agli occhi che si levano sempre fissi e uguali senza un progetto per vincere il vuoto. Càpita d’invecchiare, come neve sporcata dalle polveri...

Per pensarsi domani

Un po’ di versi settenari, riproposti tanto per salutare il solstizio d’estate… PER PENSARSI DOMANI E’ un’estate di notte Per scintille lontane già diffuse nel cielo si riaccende l’ardore. E...

Per pensarsi domani

PER PENSARSI DOMANI E’ un’estate di notte Per scintille lontane già diffuse nel cielo si riaccende l’ardore. E percorre lo sguardo, che s’avvampa ruotando, un silenzio mai spento. Cerca un punto d’incontro lungo...